Internet e vita di coppia

 

All’interno di una relazione solitamente uno dei due partner ha meno competenze informatiche dell’altro e tende ad affidarsi al compagno quando ha problemi con i propri device, le proprie attività online e altre questioni IT. Secondo una recente indagine di Kaspersky Lab, la crescente condivisione di attività e dispositivi con partner meno tecnologici può portare all’esposizione dei dati, al danneggiamento dei device o alla perdita di denaro, persino nelle coppie più attente.

Anche gli utenti più consapevoli potrebbero avere partner con scarse competenze informatiche. Kaspersky Lab avvisa queste persone che la condivisione della propria vita digitale – come dispositivi, dati e attività – con la propria dolce metà potrebbe metterle in pericolo. La recente indagine ha rivelato che il 77% delle coppie italiane condivide almeno un dispositivo IT. Ad esempio, il 76% condivide il proprio computer con il partner e più di un quarto degli utenti (28%) condivide lo smartphone. Inoltre, nel 73% dei casi le coppie italiane hanno almeno un account online in comune, che si tratti di intrattenimento, attività finanziarie, shopping o altre attività.

Sebbene al giorno d’oggi la condivisione dei dispositivi digitali sia sempre più comune nella costruzione di una relazione, Kaspersky Lab avvisa che questo comporta anche una responsabilità congiunta per quanto riguarda la sicurezza informatica.

Sei italiani su dieci (60%) credono di essere più esperti del proprio partner per quanto riguarda le attività e la sicurezza nel mondo online. Non stupisce che siano gli uomini a essere più portati a credere di essere i più bravi della coppia con i dispositivi digitali (82% rispetto al 38% delle donne).

Chi si considera il più competente spesso si trova a dover aiutare il proprio partner: il 95% di queste persone dichiara di cercare sempre di aiutare la propria dolce metà nelle questioni tecnologiche. Tuttavia, a volte l’aiuto giunge indesiderato: un quarto delle persone (25%) con partner più tecnologici evita infatti di chiedere il supporto del proprio amato quando si trova in situazioni difficili online. È facile trovarsi in queste situazioni poiché, come dimostrato dalla ricerca, molte persone si comportano in modo insicuro, ad esempio connettendosi al wi-fi senza essere certe della sua protezione (55%), scaricando file da siti sconosciuti (33%) o lasciando il proprio dispositivo incustodito in luoghi pubblici (21%) – comportamenti che possono mettere in pericolo dispositivi e dati personali.

Queste abitudini possono creare seri problemi alle coppie: il 14% degli intervistati ha infatti ammesso di aver avuto più problemi con i propri dispositivi e account online dopo averli condivisi con partner meno competenti. In particolare, i problemi evidenziati dai rispondenti includono il danneggiamento dei dispositivi (22%) o l’infezione accidentale da malware (14%), la condivisione da parte del partner di informazioni senza il proprio consenso, sia accidentalmente sia volutamente (10%) e la perdita di denaro per errore o per colpa di malware (9%).

“Condividere la responsabilità della sicurezza internet potrebbe non sembrare molto romantico ma è estremamente importante per le coppie che scelgono di unire le proprie vite digitali”, ha commentato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab. “È evidente che non possiamo scegliere il nostro compagno in base alle sue competenze informatiche. Di conseguenza, i nostri dispositivi o dati personali possono venire messi involontariamente in pericolo da partner meno preparati attraverso alcune attività online. Condividere dispositivi e account è sicuramente importante in una relazione ma, considerando i pericoli per i dati e la privacy, non bisogna dimenticare la sicurezza. Quindi, incoraggiamo gli utenti a rendere la sicurezza internet una responsabilità congiunta e condividere le misure di protezione”.

Seguire alcune semplici regole aiuterà le coppie a proteggersi dalle minacce informatiche:

1.   Iniziate come se non doveste smettere mai: quando si condivide per la prima volta dispositivi e account – come computer, dettagli per l’online banking e iscrizioni a servizi di streaming – è importante fissare delle regole su cosa si è disposti a condividere e a quale scopo. Definire queste regole aiuterà entrambi a sentirsi a proprio agio.

2.   Non abbiate paura di chiedere aiuto all’altro, specialmente se uno dei due ha più competenze informatiche. Il più abile dei due deve fare in modo che il proprio partner si senta libero di fare domande sulla sicurezza internet: questo gli consentirà di aiutarlo a proteggere meglio se stesso e il mondo digitale condiviso. Chi invece è meno tecnologico non deve evitare di chiedere aiuto e parlare apertamente della sicurezza informatica: soffrire in solitudine non aiuta.

3.   Condividete le responsabilità: stabilite linee guida di sicurezza valide per entrambi – come non collegarsi mai a wi-fi non sicuri o downloadare file da fonti sconosciute o non verificate.

4.   Affidatevi alla tecnologia per proteggervi: le soluzioni di sicurezza più avanzate, come quelle offerte da Kaspersky e che trovate su scuolaCART possono prendersi cura di ogni aspetto della vita digitale di una coppia, dalla protezione delle password alla creazione di difese contro le più recenti minacce note e sconosciute.

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *